Tag

, , , , ,

 Dopo la mia nota di ieri, 1 luglio 2016, LA STORIA RENDE ONORE E GIUSTIZIA ALL’INFANTE DON CARLOS DUCA DI CALABRIA, mi avvedo, tra le centinaia di messaggi privati e pubblici ricevuti, della gradita risposta da Madrid, di S.E. il Principe Don Carlo Emanuele RuspoliCarlo Emanuele Ruspoli vs Fernando Crociani Baglioni-

Il Principe romano rende testimonianza oggi dell’episodio accaduto a metà degli anni Novanta, per il suo ruolo diplomatico. Quando egli ebbe la ventura, rivelatasi sgradevole, di dover consegnare a S.A.R. l’Infante Don Carlos di Borbone e Borbone Parma, Capo della Real Casa delle Due Sicilie, Gran Maestro del S.M.O. Costantiniano di San Giorgio, il Diploma di concessione di un altissimo grado, che con imbarazzante stupore del latore e del destinatario, non recava il titolo di Duca di Calabria, all’Infante medesimo spettante ed attribuito da Sua Maestà il Re ed ufficialmente dal Governo e dal Consiglio di Stato del Regno di Spagna. Personalmente pubblicai in italiano l’Informe del Consejo de Estado del Reino de España, con traduzione giurata all’Ambasciata d’Italia a Madrid, nel mio volumetto “Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio“, Editore Zauli, Roma, 1995.Principe-Carlo-Emanuele-Ruspoli

Carlo Emanuele Ruspoli: Me alegro vivamente que el Gran Maestre de la Orden de Malta haya recibido con todos los honores a S.A.R. don Pedro, quien acaba de suceder a su padre S.A.R. el Infante don Carlos en la jefatura de la Casa Real de las Dos Sicilias. Años atrás viví personalmente una bochornosa experiencia cuando era diplomático de la Orden y quise entregar al Infante don Carlos una alta condecoración de parte de Frey Andrew Bertie. El Infante aceptó la oferta de convertirse en Bailío Gran Cruz de Honor y Devoción hasta el momento en que vio la carta de concesión en la que no se le trataba con el rango que le correspondía. El Gran Maestre Bertie había sucumbido a presiones de su Soberano Consejo favorable a la rama “italiana”. No hubo nada que hacer para arreglar el asunto, pese a mis gestiones. Yo era Caballero Gran Cruz de la Orden Constantiniana, cuyo Gran Maestre era el Infante don Carlos. Obran en mi poder las cartas escritas por don Pedro, tanto a su primo don Carlos, como a los miembros de la Orden.

Il Diploma declinato, rimase per lungo tempo custodito in cassaforte, sino agli sviluppi che costituiscono ormai la storia della disputa costantiniana, durata mezzo secolo con i complicati ed intricati coinvolgimenti istituzionali internazionali; e che con l’accordo  (Atto di Conciliazione) sottoscritto a Napoli tra le parti, il 25 gennaio 2014, avevamo motivo di ritenere definitivamente conclusa.Fernando Crociani Baglioni

Pare che per un surreale ripensamento della parte soccombente per via naturale per difetto di discendenza, taluno voglia vanificare quell’accordo ed Atto solennemente sottoscritto, che tutti salutammo con giubilo in occasione della Beatificazione di Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie.

Riporto anche il gradito messaggio del Real Circolo Francesco II di Borbone/Royal Club Francis II of Bourbon:

Grazie Fernando per il tuo impegno, che ti fa onore come appartenente alla Sacra Milizia Costantiniana, un lavoro di cui oggi si raccolgono sicuramente frutti. La strada è ancora piena di insidie, ma oggi Don Pedro lo conoscono tutti. All’epoca non saprei….Oggi ci sono nuove sfide, anche le leggi dinastiche sono attaccate, quelle che sembravano dei monoliti di granito sotto la protezione della Prammatica Sanzione di Carlo III che dal 1759 reggono e regolano la successione in Casa Borbone. Non si ha più riguardo per niente e per nessuno, l’unica cosa che conta sembra essere il dio denaro, con il quale tutto si può comprare, ma per chi crede veramente nella tradizione, a prescindere da tutto, questo è un alto tradimento.

Real Circolo Francesco II vs Fernando Crociani Baglioni-page-001

Da quando mi occupo di questi studi, e cioè da sempre, sostengo che nelle dinastie europee, le dispute dinastiche si risolvano per via naturale, dico naturale ! E’ quanto va accadendo nella Casa di Borbone Due Sicilie, come d’altra parte in quella di Savoia. Come una ineluttabile damnatio memoriae: da una parte la ridondante legittimità è accompagnata da abbondante prole mascolina che assicuri discendenza alla Dinastia ……. dall’altra , con la delegittimazione , l’estinzione e l’oblìo ! Accompagnati da tradimenti e spergiuri. ….e l’immancabile comica finale !

Martin Fuenteblanca : La legitimidad y el derecho de Su Alteza Real D.Pedro de Borbon Dos Sicilias y Orleans no pueden ser discutidas.El Real Cuerpo de la Nobleza de Madrid,de el cual soy Diputado Fiscal y es Presidente el Exmo. Sñor. vizconde de las Torres de Luzon le ha rogado que sustituya a su Augusto Padre como Protector de el Real Cuerpo.Ademas,ocupa el lugar de D.Carlos en las Ordenes Militares.Su posicion es definitiva en las Dos Sicilias y en España.Solo su bondad le ha permitido soportar las afrentas de su primo de la rama cuarta el Duque de Castro que no respeta a su familia y habla de rama española y el reside en Monaco con una nueva rica.Ya esta bien!!

risposta-Martin Fuenteblanca

Fernando Crociani Baglioni                                                                          Cavaliere di Gran Croce di Giustizia del S.M.O. Costantiniano di San Giorgio, già Segretario per l’Italia della Real Deputazione

Vaticano, Palazzo Apostolico, 9 giugno 2016 - Udienza privata concessa da Sua Santità Papa Francesco, alla Real Casa di Borbone dell Due Sicilie. S.A.R. il Principe Don Pietro di Borbone Due Sicilie, Duca di Calabria, Conte di Caserta, la Duchessa di Calabria Donna Sofia, S.A.R. il Principe Don Jaime Duca di Noto ed erede dinastico, S.A.R. il Principe Don Juan, S.A.R. il Principe Don Pablo, S.A.R. il Principe Don Pedro, S.A.R. la Principessa Anna d'Orleans, Duchessa di Calabria madre.

Vaticano, Palazzo Apostolico, 9 giugno 2016 – Udienza privata concessa da Sua Santità Papa Francesco alla Real Casa di Borbone delle Due Sicilie. S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone Due Sicilie, Duca di Calabria, Conte di Caserta, la Duchessa di Calabria Donna Sofia, S.A.R. il Principe Don Jaime Duca di Noto ed erede dinastico, S.A.R. il Principe Don Juan, S.A.R. il Principe Don Pablo, S.A.R. il Principe Don Pedro, S.A.R. la Principessa Anna d’Orleans, Duchessa di Calabria madre.

PIO TRANSITO DELL’INFANTE DON CARLOS DI BORBONE, DUCA DI CALABRIA. Il mesto ricordo del suo antico Segretario per l’Italia.

LA STORIA RENDE ONORE E GIUSTIZIA ALL’INFANTE DON CARLOS DUCA DI CALABRIA

PONTIFICALE DI TRIGESIMO PER L’INFANTE DI SPAGNA DUCA DI CALABRIA DON CARLOS DI BORBONE

Atto di Conciliazione della Real Casa di Borbone: Unità per l’Ordine Costantiniano di San Giorgio

LL.AA.RR. Don Carlos de Borbon Dos Sicilias y Borbon Parma, Ana de Orléans y Bragança, Duchi di Calabria. Madrid, 14 aprile 1976. Dedica al Conte Fernando Giulio Crociani Baglioni.