Tag

, , , , , ,

Per bombardare la Città Eterna, dichiarata unilateralmente dall’Asse Città Aperta, gli americani ebbero la cinica cura di scegliere, quali piloti e personale dei 600 bombardieri partecipanti all’incursione del 19 luglio, decollando da Algeri, cattolici non praticanti, e protestanti non antipapisti . Volendo così conciliare le esigenze di non avere in azione militari credenti, insicuri, esitanti o magari infedeli alla consegna, presi da rimorsi di coscienza ; o militari presi da odio anticattolico, accanimento tale da bombardare anche le basiliche romane e magari il Vaticano neutrale…. Vi riuscirono: i morti furono circa 2500, civili perlopiù vecchi donne e bambini. Erano le 11,30: gli uomini o sotto le armi o al lavoro (operai e artigiani del popolare quartiere ), i bambini a casa con le scuole chiuse e la giornata torrida; le donne in casa a quell’ora soffocante, a cucinare il magro pranzo…. L’intento era quello politico-terroristico di piegare la volontà di lotta, ed abbattere il regìme …. Come avvenne 5 giorni dopo …..
70° anniversario bombardamento di San Lorenzo

70° anniversario bombardamento di San Lorenzo

Nel 70° anniversario del bombardamento di S. Lorenzo (19 luglio 1943 ), ieri 19 luglio  2013, il Cardinale Vicario Vallini ha presieduto un Pontificale nella basilica di S. Lorenzo al Verano, rendendo omaggio con corona di fiori bianchi al monumento al Romano Pontefice Pio XII , con le autorità di Roma Capitale e la comunità francescana. Seguiva l’apertura della mostra commemorativa ed un concerto della banda dell’Arma dei Carabinieri. Ero presente con viva emozione, come numerosi esponenti della cultura, vita e società romana.

La storica visita di Papa Pio XII al quartiere San Lorenzo a Roma, distrutto dal bombardamento del 19 luglio 1943

La storica visita di Papa Pio XII al quartiere San Lorenzo a Roma, distrutto dal bombardamento del 19 luglio 1943

70° anniversario bombardamento San Lorenzo, quattro giorni per ricordare – comune.roma.it